19
Mar

Vini di Calabria: Melissa DOC

Creata 42 anni fa la denominazione Melissa DOC si aggiunse ai marchi calabresi poco dopo un’altra DOC, quella di Lamezia.
Ma iniziamo dal leggendario, per alcuni il nome Melissa rimanderebbe alla dolcezza, al miele in contrapposizione ad un altro nome, Cirò, che invece richiamerebbe la sensazione dell’amaro.
Altra tesi è quella che vuole il nome Melissa discendere da Melisseus, principe di Creta ed anche in questo caso in contrapposizione a Cirò che rappresenterebbe un uomo di nobili origini.
Quale che sia l’origine o il significato del nome i vini della denominazione Melissa DOC sono rossi e bianchi con questi ultimi però a bassissima produzione.
I rossi vengono ottenuti con l’impiego della varietà Gaglioppo coniugata, in misura non superiore ad un quarto, con il Greco Nero.
I  bianchi vengono ottenuto con il Greco Bianco associato a Trebbiano o Malvasia Bianca.
Melissa è uno dei comuni nei quali trova espressione la tradizione vinicola della provincia di Crotone, situato a circa 10 Km dal vicino e notissimo territorio di Cirò; quanto alle caratteristiche va detto che gran parte dei vigneti si trova vicino alla costa ma molti sono posizionati sulle colline che guardano ad est.
Le escursioni termiche giorno-notte provocano brezze mattutine e pomeridiane che riducono al minimo il rischio di malattie fungine della vite determinando un clima ideale per una viticoltura di qualità.
La denominazione Melissa DOC copre vini di assoluta eccellenza ed è lecito immaginare che ben presto possa raggiungere notorietà ed apprezzamento simili a quelli già riscossi dalla Ciro DOC.