09
Apr

Vini di Calabria, l’IGT Locride

vino Italia Confagricoltura

La denominazione copre, come è desumibile dal nome, la Provincia di Reggio Calabria ed in particolare una delle aree più interessanti anche sotto il profilo storico-archeologico, la locride.
L’area geografica, con una superficie complessiva di circa1200 chilometri quadrati, inizia dal medio ionio per estendersi sino al massiccio dell’Aspromonte e sono ricompresi i territori dei comuni di Agnana, Ardore, Bianco, Bovalino, Bruzzano, Camini, Canolo, Caraffa del Bianco, Casignana, Caulonia, Ferruzzano, Gerace, Gioiosa Jonica, Grotteria, Locri, Mammola, Marina di Gioiosa Jonica, Monasterace, Placanica, Riace, Roccella Jonica, Sant’Agata del Bianco, Sant’Ilario, Siderno e Stignano.
Si producono vini bianco, Mantonico bianco passito, rosso e rosato.
La resa massima delle uve in vino finito non deve essere superiore al 80%, fa eccezione il passito dove la resa può superare il 50%. Alcuni vigneti, proprio per la particolare configurazione del territorio che va dalla zona rivierasca fino alla collina ed alla montagna, rendono visibile una vera e propria agricoltura eroica.
In questi luoghi è forte la connessione narrativa tra la qualità dei vini, la passione per la produzione, la grande e gloriosa storia di cui rimangono suggestive testimonianze.