17
Mar

Vini di Calabria, il Lamezia Doc

vino Italia Confagricoltura

Creata ormai 43 anni fa la denominazione di origine Lamezia DOC copre una serie di vini di qualità elevata ma ancora poco noti al grande pubblico.
I vini possono essere rossi, bianchi e rosati.
I vini rossi, la maggior parte, vengono ottenuti con l’impiego di uve di origine siciliana (Nerello Mascalese e Nerello Cappuccio) unite alla forza ed alla consistenza di varietà a bacca nera locali (Gaglioppo, Greco Nero, Nocera e Calabrese).
Sono affinati per almeno due anni prima della commercializzazione, dei quali almeno sei mesi in botte.
Quelli bianchi richiedono invece le varietà Greco Bianco, Malvasia Bianca e Ansonica.
In piccola percentuale e con le uve impiegate per la produzione dei rossi si ottengono anche quelli rosati.
A Lamezia Terme è stata forte la produzione del Novello anche se negli ultimi anni, in linea con una tendenza che caratterizza il settore enologico, le quantità sono diminuite.
I vigneti che danno vita ai vini della Lamezia DOC si trovano a sud del territorio della quarta città della Calabria creata con la fusione di tre diversi comuni in uno dei quali la tradizioni vitivinicola era molto consistente.
Siamo nell’Istmo, la parte più stretta tra i mari Tirreno e Ionio, in una pianura nella quale il clima è decisamente ventoso. Poco oltre risalendo verso Nord troviamo il territorio di un’altra apprezzata Doc con vigneti che guardano al mare.