20
Set

VIDEO | Usura a Lamezia Terme: confiscati beni per 8,5 milioni di euro a imprenditore

confisca Lamezia

Gli uomini della Guardia di Finanza di Lamezia Terme hanno confiscato beni mobili e immobili per un valore complessivo di 8,5 milioni di euro, riconducibili all’imprenditore lametino Giuliano Caruso ma che, secondo le indagini, avrebbe accumulato grazie ai proventi derivanti da prestiti con tassi usurari, che superavano il 90% all’anno.
Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Catanzaro – seconda sezione penale – su richiesta del procuratore della Repubblica di Lamezia Terme Salvatore Curcio e del pm Marta Agostini, sulla base delle informative del gruppo della Guardia di finanza di Lamezia.
Gli accertamenti patrimoniali e reddituali dei finanzieri, condivisi dalla magistratura, avrebbero dimostrato che i beni confiscati hanno un valore economico del tutto sproporzionato e ingiustificato rispetto ai redditi leciti dichiarati nel tempo, tenuto pure conto dell’elevato tenore di vita mantenuto dall’imprenditore.
Ciò ha consentito ai finanzieri di delineare il quadro indiziario indispensabile per disporre la confisca dei patrimoni rivelatisi di origine illecita o ingiustificati nel loro possesso, il cui valore si attesta a oltre 8,5 milioni euro.

IL VIDEO: