25
Dic

Tragedia a Rossano: figlio uccide padre a colpi di fucile dopo una lite

agguato Reggio Calabria

Si chiamava Giuseppe Vitale, detto “Tonino” di 64 anni, l’uomo ucciso nel pomeriggio di oggi dal figlio Cesare al culmine di un litigio per futili motivi, in un palazzo del centro storico di Rossano, in provincia di Cosenza.

Secondo quanto ricostruito la vittima, che lavorava come impiegato nel Tribunale di Castrovillari, sarebbe stato raggiunto da due colpi di fucile da caccia sparati dal figlio di 35 anni che, secondo quanto si e’ appreso, avrebbe imbracciato l’arma, legalmente detenuta, per andare a fare una battuta.

Cesare Vitale, attualmente, e’ in stato di fermo nella sede del Commissariato di Ps di Rossano. Le indagini sul parricidio, coordinate dalla Procura della Repubblica di Castrovillari, sono condotte dalla Polizia di Rossano con la collaborazione dei carabinieri. Gli inquirenti, in particolare, stanno cercando di fare chiarezza sulla dinamica del delitto tentando di capire se alla base dell’atto criminale compiuto dal figlio di Vitale ci fossero dissidi covati da tempo e sfociati, oggi, nella tragedia.

Una tragedia che, proprio nel giorno di Natale, ha gettato nello sconforto parenti, amici e vicini di casa.