21
Nov

Tar: “a Reggio Calabria azione amministrativa assoggettata a criminalità organizzata

Secondo il Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio i fatti sulla base dei quali è stato sciolto il Consiglio Comunale di Reggio sono rilevanti “in quanto – scrivono i giudici del Tar nelle motivazioni – generativi di un’azione amministrativa inadeguata a garantire gli interessi della collettività”. Per il Tar, “si tratta di un variegato e complesso contesto probatorio che si connota per congruenza, concretezza e conducenza, facendo ricavare un vivido quadro dell’influenza esercitata dalla criminalità organizzata sugli organi elettivi del Comune, con conseguente grave pregiudizio alla capacità di gestione e di funzionamento dell’ente comunale, assoggettata alle scelte delle locali consorterie criminali”.
Il Collegio – nelle 44 pagine della sentenza – fa riferimento all’ l’infondatezza dell’affermazione che all’Amministrazione disciolta siano state addebitate situazioni ascrivibili alla precedente.