06
Mar

Squillace, ristorante incendiato: consiglio comunale aperto per esprimere solidarietà

Una bella giornata di civiltà”. E’ stato così definito da Arturo Bova, consigliere regionale e presidente della commissione antindrangheta, il consiglio comunale straordinario aperto ai cittadini indetto dopo l’incendio che nella notte tra giovedì e venerdì scorso ha distrutto il ristorante “La Cena di Afrodite” a Squillace. (LEGGI) 

Sulla matrice del rogo sono ancora in corso le indagini dei carabinieri, ma la convinzione generale è che si sia trattato di un vero e proprio atto intimidatorio. Nei pressi del locale i Carabinieri hanno rinvenuto infatti una moto senza targa e con il serbatoio pieno di carburante, che potrebbe essere in qualche modo collegata all’episodio.

Durante il consiglio, il sindaco Pasquale Muccari ha definito l’episodio accaduto un fatto “gravissimo”, non solo per gli imprenditori colpiti, ma anche per l’immagine dell’intera città.

Il consigliere Domenico Passafaro ha proposto, durante l’incontro, l’istituzione di un fondo di solidarietà per gli imprenditori vittime di atti intimidatori. L’avvocato Occhionorelli, a nome dei proprietari, ha reso noto comunque che l’attività imprenditoriale ripartirà con la stessa forza di prima, con la stessa intensità utilizzata, in negativo, da chi ha appiccato il fuoco.

Solidarietà e vicinanza, con l’invito ai proprietari del ristorante a riprendere la propria attività, sono state espresse da Aurelia Lioi, presidente della locale Pro loco, e dall’imprenditore Valeo, già interessato in passato da intimidazione.