21
Nov

Sottoscrizione truffa: chiedevano soldi per un’associazione benefica cosentina

usura

Chiedevano soldi ai passanti nei pressi di un centro commerciale a Bastia Umbra a sostegno di una generica campagna contro il femminicidio, un uomo di Taranto e uno di Vicenza con precedenti penali che gli agenti del commissariato di Assisi hanno denunciato per falso, truffa e abuso della credulità popolare. I controlli delle forze dell’Ordine sono partiti da una presunta associazione benefica, “Piv” – acronimo di Progetto Italia volontari – con sede in Calabria, in provincia di Cosenza, impegnata sul tema del femminicidio e di cui i due uomini hanno detto agli agenti di far parte in veste di presidente e legale rappresentante.