26
Set

Sangue infetto, “superstite” sporge denuncia per lesioni colpose

Il primo paziente contaminato da sangue infetto ha sporto denuncia per lesioni colpose. Si tratterebbe di un 19enne che – ricoverato all’Annunziata di Cosenza nello scorso mese giugno – dopo una trasfusione, sarebbe stato salvato dai medici intervenuti dopo lo shock settico causato dal batterio contenuto nella sacca di sangue, usata per la trasfusione.