10
Mar

Rosarno, arrestato il latitante Antonino Pesce (VIDEO)

Gli investigatori erano sulle sue tracce da più di un anno, da quando Antonino Pesce, 26enne appartenente alla omonima cosca della ‘Ndrangheta, era sfuggito alla cattura durante l’operazione coordinata dalla Dda di Reggio Calabria che un anno fa ha portato in carcere diversi esponenti della cosca. Si trattava dell’inchiesta ‘Recherche’ con la quale fu smantellata la rete dei fiancheggiatori che per anni avevano protetto la latitanza del boss Marcello Pesce, di 54 anni, considerato capo strategico del clan, attivo in importanti settori criminali e con diramazioni nel nord Italia, soprattutto in Lombardia, arrestato nel dicembre 2016 dopo 6 anni di latitanza.

 

Questa mattina, a Rosarno, è scattato il blitz che ha portato all’arresto di Antonino Pesce, sorpreso in un appartamento della cittadina nella piana di Gioia Tauro. Il latitante si è arreso alzando le mani, non ha opposto resistenza. Gli agenti adesso, stanno vagliando la posizione di altre persone che erano nell’appartamento.

Pesce, nonostante la giovane età, era al vertice della cosca visto e considerato che tutti gli altri elementi di spicco sono stati già arrestati.