27
Nov

Rete Kalabria: giornalisti licenziati dopo aver scioperato

Cacciati per aver scioperato. Questa la decisione della nuova proprietà dell’emittente televisiva vibonese Rete Kalabria. Ieri il nuovo editore avrebbe impedito ai cinque giornalisti della redazione (in sciopero da qualche giorno) di entrare in studio. I giornalisti rivendicano la regolarizzazione contrattuale e il pagamento, delle mensilità correnti e di otto arretrate.

Vista l’impossibilità di entrare negli studi, i giornalisti hanno richiesto l’intervento delle forze dell’ordine e sono stati subito ricevuti dal prefetto, Giovanni Bruno. Al fianco dei giornalisti si sono schierati Carlo Parisi, vicesegretario nazionale della Fnsi e segretario del Sindacato Giornalisti della Calabria e Franco Siddi, segretario generale della Fnsi.