15
Mag

Renzi in Calabria: Magorno (Pd): “dal premier straordinario segnale di fiducia”

“Da Matteo Renzi, a Reggio Calabria, abbiamo avuto uno straordinario segnale di fiducia e la certezza di un impegno che si fonderà sulle cose concrete che saranno fatte per la nostra regione”. Lo dichiara il segretario del PD Calabria, Ernesto Magorno.

“L’annuncio della creazione di una cabina di regia, presso Palazzo Chigi, per affrontare i problemi della Calabria, rappresenta una svolta epocale, il segnale che c’è un governo che guarda alla nostra regione come pedina fondamentale per un generale piano di rilancio del Sud. Non deve rimanere inascoltato il richiamo del premier sull’utilizzo dei fondi europei che, in questo progetto, sono sicuramente lo strumento più importante. In questo senso, è di grande valenza l’idea di fare incontri trimestrali per verificare l’effettivo utilizzo delle risorse che l’Europa destina al Sud. Sul fronte della legalità, rappresenta una bella notizia, che sgombra il campo da ogni sterile polemica, quella che l’agenzia per i beni confiscati alla criminalità organizzata resterà a Reggio Calabria.

Renzi è venuto per dirci cosa farà ed anche per ascoltare, come ha fatto con i lavoratori che gli hanno rappresentato i loro problemi e che anch’essi hanno avuto notizia che il premier sarà in Calabria ogni tre mesi per fare il punto della situazione sulle loro difficoltà e l’annuncio di un decreto, che sarà presentato dal Ministro Poletti, per anticipare le risorse 2014 destinate al pagamento della cassa integrazione in deroga e della mobilità in deroga per la Calabria, in modo da pagare le spettanze arretrate del 2013.

L’importante presenza del Presidente del Consiglio dimostra un’attenzione costante per la nostra regione che sarà ulteriormente testimoniata da altri appuntamenti che si terranno nei prossimi giorni. In particolare Luca Lotti, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, il 19 maggio parteciperà ad iniziative che si terranno a Catanzaro, Montalto e Rende. La Calabria, insomma non è vista come periferia, ma come punto prioritario dell’agenda di Governo e riferimento per un progetto complessivo di sviluppo del Sud Italia, nel quale il Partito Democratico vuole avere un ruolo dinamico e di guida”.