29
Ott

Omicidi Quarto Oggiaro decisi dalla ‘ndrangheta

Ci sarebbe la mano della ‘ndrangheta dietro l’agguato – che ha portato alla morte di Paolo Simone ed Emanuele Tatone, uccisi domenica in un campo della periferia milanese, a Quarto Oggiaro. Gli inquirenti, infatti, seguirebbero una pista che porta dritta in Calabria. Chi ha teso l’agguato – secondo gli investigatori – voleva colpire Emanuele Tatone, un chiaro segnale di un clan calabrese della vicina Bruzzano, interessato alla “piazza di spaccio” di Quarto Oggiaro sin dal 2009, quando la polizia smantellò con un’operazione l’organizzazione della famiglia Tatone.