01
Feb

Oliverio contro Scura: “Non chiedo atti di devozione, sono il portavoce dei calabresi” – VIDEO

Mario Oliverio sanità Scura

“Ringrazio l’ingegnere Scura per il suo sacrificio ma io non sono né San Francesco, né il Padre eterno che chiede questi atti di devozione. Io chiedo al Governo – come ho sempre fatto – di rimuovere il commissario alla sanità.”

Queste le considerazioni di Mario Oliverio, presidente della Regione Calabria, intervenuto a margine dell’incontro organizzato dal Pd a Lamezia Terme. Il riferimento è alle dichiarazioni di Massimo Scura – commissario per il piano di rientro dal debito sanitario – che nelle scorse aveva manifestato l’intenzione di incontrare Oliverio, e di raggiungerlo anche a piedi.

“Il problema – spiega ancora Oliverio – non è la persona di Scura ma è l’istituzione commissariale che non va bene quindi io non ce l’ho con lui o se fosse Bitonti o De Luca, dico nomi a caso. Il problema è la funzione del commissario. La Calabria è commissariata da 6 anni e i risultati, purtroppo, non sono soddisfacenti e neanche positivi per quanto riguarda la qualità delle prestazioni sanitarie.”

Oliverio – dunque – liquida così il discorso, escludendo qualunque riavvicinamento con Scura.