21
Apr

Nel Mar Egeo il primo museo sottomarino della Grecia

In Grecia è nato il primo museo sottomarino del Mar Egeo. Questo particolare sito, che aprirà i battenti a giugno 2021 e che conserva i resti di un antico relitto, potrebbe diventare un modello per un turismo più sostenibile.

​​Situato nel Parco nazionale marino di Alonissos e delle Sporadi settentrionali, nel mar Egeo, il museo si inserisce nella più grande area marina protetta d’Europa. Fino ad oggi, per paura che queste antichità potessero andare perdute, sono state accessibili soltanto agli archeologi ed agli esperti. Peristera, la nave che prende il nome dal vicino isolotto disabitato, risale al 425 a.C. circa, e si trova ad una profondità di circa 24 metri: un tempo, era uno dei più grandi vascelli mercantili del periodo classico (dal quinto al quarto secolo a.C.) e trasportava all’incirca 4.000 anfore per il vino provenienti dalle antiche città greche di Mende e Pepareto; rinvenute nel relitto anche ciotole, tazze, piatti e stoviglie nere smaltate, oggetti per i sontuosi banchetti – o simposi – del tempo.

Il naufragio della nave, probabilmente ateniese, avvenne alla fine della guerra del Peloponneso, e tra l’altro il relitto, insieme al carico di anfore, è anche uno dei meglio conservati.  A venti anni dall’ultimo scavo, questo sito è stato definito il “Partenone dei naufragi”. 

Per poter fare un viaggio nel tempo e visitare la nave come se si facesse una vera e propria immersione, non è necessario essere sub esperti: dal sito infatti, cinque videocamere subacquee trasmettono video in tempo reale, e uno di questi è aperto al pubblico (gli altri sono attualmente riservati agli scienziati): i visitatori non subacquei potranno utilizzare occhiali speciali per un tour in 3D del relitto.

Nel 2019 altri quattro relitti della regione sono stati designati come siti archeologici sottomarini accessibili: l’obiettivo è quello di farli diventare dei futuri musei subacquei. Questo potrebbe segnare una nuova tendenza, soprattutto per gli appassionati, in un Paese con quasi 16 mila km di costa e centinaia di relitti sommersi.