12
Set

‘Ndrangheta, processo “Showdown”: chiesti 24 anni di carcere per i vertici del clan Sia-Procopio-Tripodi

droga estorsione piemonte Crea

Durante il processo denominato “Showdown” svolto ieri nell’aula bunker del Tribunale di Catanzaro, il sostituto procuratore della Dda di Catanzaro, Vincenzo Capomolla, ha chiesto condanne fino a 24 anni di reclusione nei confronti di Fiorito Procopio, Michele Lentini e Maurizio Tripodi esponenti al vertice, secondo l’accusa, della cosca soveratese Sia-Procopio-Tripodi. Tra i vari reati contestati, ci sono l’associazione mafiosa, il favoreggiamento, il furto e l’occultamento di cadavere, in relazione al ritrovamento del cadavere di Giuseppe Todaro, figlio del collaboratore di giustizia, Domenico. Sono numerosi gli altri imputati per un processo che si aggiornerà il prossimo 23 e 25 settembre quando si esprimerà il collegio difensivo.