18
Apr

‘Ndrangheta, processo “Dinasty 2”: condannato il boss di Limbadi Antonio Mancuso

anziano Catanzaro

In merito al processo “Dinasty 2”, la Corte d’Appello di Salerno, ha condannato a 7 anni di reclusione Antonio Mancuso, presunto boss di Limbadi. Assolti 17 imputati mentre per altri 7, è scattata la prescrizione. Sono stati assolti: Achille Sganga, tecnico del Comune di Parghelia Giancarlo Sganga, Fortunato Polito, Salvatore Valenzise, Antonio Ventura, Pierina Penna e Maria Ventura. Sono stati assolti con formula piena Antonio Castagna, imprenditore vibonese, Vincenzo Calzona, ex sindaco di Parghelia e Ernesto Funaro, ingegnere cosentino.

Assolti con formula ampia gli avvocati Antonio Galati, Santo Gurzillo, Filippo Accorinti, Michele Accorinti, Gaetano Scalamogna e Giovanni Vecchio mentre hanno rinunciato all’appello e sono stati assolti anche Pantaleone Mancuso, Giuseppe Esposito, Orazio Cicerone, Ilo Bianchi, Vincenzo Colistra, Francesco Miceli, Teresa Callà, Umberto Franco.