01
Ott

‘Ndrangheta: confiscati beni per 2 milioni di euro a Sante Pisani, legato al clan Pesce-Bellocco di Rosarno

Si aggira attorno ai 2 milioni di euro il valore totale dei beni confiscati, tra Prato, Reggio Calabria, Cosenza nei confronti di Sante Pisani, 67enne imprenditore calabrese, legato alla cosca di ‘ndrangheta Pesce-Bellocco di Rosarno, cui è stata applicata anche la misura di prevenzione personale della sorveglianza speciale per la durata di tre anni, con l’obbligo di soggiorno nel comune di residenza.

La confisca, eseguita dalla Dia di Firenze su disposizione della Procura della Repubblica di Reggio Calabria, riguarda un appartamento in villa a Poggio a Caiano (PO), uno studio professionale a Rosarno (RC), un immobile abitativo di nuova costruzione, a Rossano (CS), oltre a un conto corrente bancario e 6 polizze assicurative.