24
Feb

‘Ndrangheta a Lamezia Terme, in manette le nuove leve del clan Giampà (NOMI e VIDEO)

Blitz all’alba della squadra mobile di Catanzaro e degli agenti del commissariato di Lamezia Terme. (GUARDA IL VIDEO)
Associazione di stampo mafioso e estorsioni a carico di esercizi commerciali, queste le accuse mosse nei confronti di 12 persone e che hanno permesso di accertare alle forze dell’ordine l’esistenza di ‘nuove leve’ della cosca Giampa’. Gli affiliati, secondo l’accusa, avrebbero assunto il controllo del racket delle estorsioni – alcune delle quali perpetrate anche attraverso atti intimidatori – nei confronti degli imprenditori lametini, dopo le recenti operazioni che hanno decapitato i vertici della potente cosca. (GUARDA IL VIDEO DELLE INTIMIDAZIONI AGLI IMPRENDITORI)
Documentati anche danneggiamenti con l’utilizzo di ordigni esplosivi e bottiglie incendiarie di alcune attività commerciali lametine. Le attività investigative, condotte, con il concorso del Servizio Centrale Operativo, dalla Squadra Mobile di Catanzaro e dal Commissariato di P.S. di Lamezia Terme sono coordinate dalla Procura Distrettuale Antimafia di Catanzaro, dal Procuratore Aggiunto Giovanni Bombardieri e del pm Elio Romano, con la supervisione del Procuratore Capo di Catanzaro, Nicola Gratteri.

In carcere sono finiti:

1. Giampà Vincenzo, detto “Il Camacio”, cl. ’68;

2. Castaldo Roberto cl. ’90;

3. Scalise Gregorio cl. ’92;

4. Paone Giuseppe cl. ’94;

5. Mercuri Pasquale cl. ’89;

6. Allegro Francesca cl. ’85;

7. Morello Francesco cl. ’85;

8. De Vito Marco Francesco cl. ’74;

9. Cappello Danilo Detto “Kirbi” cl. ’89;

Ai domiciliari:

10. Mancuso Andrea, cl. ’92;

11. Vigliaturo Vincenzo cl. ’91.

LEGGI