30
Giu

Montalto Uffugo, omicidio-suicidio: oggi l’autopsia sui corpi dei due coniugi

omicidio-suicidio Montalto Uffugo

Benchè sia stato definito dagli inquirenti un “quadro lineare”, per la dinamica con cui si è svolto l’omicidio-suicidio avvenuto due giorni fa a Montalto Uffugo, restano ancora da chiarire alcuni capitoli della tragica vicenda che ha distrutto la “famiglia modello”, così come ricordata da tutti, nella villetta di Via Alessandro Volta. (GUARDA IL SERVIZIO)

L’inchiesta infatti non è ancora conclusa, e l’autopsia, che verrà effettuata oggi sui corpi dei due coniugi dal Professor Berardo Cavalcanti, potrà, forse, aggiungere tasselli rilevanti a questa triste storia.

Dalle indagini, inoltre, sono emersi alcuni dettagli importanti che riguardano lo stato di salute di Giovanni Petrasso, agente di polizia penitenziaria di 53 anni in servizio a Cosenza, che in un caldo pomeriggio di giugno, si è reso giustiziere della vita di sua moglie e della sua. Pare infatti che l’arma in suo possesso, la pistola d’ordinanza calibro 9 utilizzata per compiere l’insano gesto, sia stata restituita all’agente solo qualche giorno fa dopo un periodo di congedo dal lavoro perchè, da quanto emerso, pare che l’uomo, negli ultimi tempi soffrisse di stati d’ansia.

La Procura continua a lavorare sul caso con estrema cautela, per cercare di capire non tanto le motivazioni, ma le circostanze che hanno caratterizzato la disponibilità legale dell’arma.