04
Nov

Mario Maiolo (PD) presente alla manifestazione dei lavoratori precari

Il Consigliere regionale calabrese Mario Maiolo (PD) sarà presente alla manifestazione dei lavoratori precari promossa da Cgil Cisl e Uil all’ingresso dell’autostrada a Cosenza. «Parteciperò alla mobilitazione dei lavoratori precari – spiega Maiolo – per dare un’ulteriore testimonianza del lavoro quotidiano che svolgiamo affinché in Calabria sia invertita la rotta».

«È, infatti, innegabile ormai – prosegue – che la Giunta di centrodestra, guidata da Scopelliti, non abbia nessun rispetto verso i diritti e le attese del precariato calabrese. La maggioranza di centrodestra non ha mai affrontato adeguatamente il problema degli ammortizzatori sociali, non ha offerto alcuna prospettiva agli LSU e LPU, e tantomeno ai lavoratori precari delle province, delle ATERP, ai sorveglianti idraulici, agli operatori informatici e agli stagisti del Consiglio regionale che, anzi, sono stati “usati” solo come un mezzo propagandistico».

«Il centrodestra non si è impegnato a costruire un programma virtuoso che, pur nelle innegabili ristrettezze, avrebbe potuto alimentare una speranza, la speranza che questi lavoratori fossero gradualmente stabilizzati e potessero recuperare la dignità che solo il lavoro concede».

«Invero, il centrodestra ha invertito la rotta in una sola occasione: ha cancellato il programma di stabilizzazioni avviato dal centrosinistra che, durante la mia gestione dell’Assessorato regionale al lavoro, ha prodotto la stabilizzazione di diverse migliaia di lavoratori precari e oltre tremila lavoratori LSU e LPU».

«Per risolvere problemi seri come quello del precariato – continua Maiolo – è tuttavia necessaria una precisa volontà politica, un programma operativo, un impegno importante sul bilancio regionale e, soprattutto, un’interlocuzione credibile con il governo nazionale. All’epoca della stabilizzazione voluta dal centrosinistra, la nostra credibilità ricevette l’attenzione di Romano Prodi ed Enrico Letta che garantirono un finanziamento straordinario di 60 milioni di euro a sostegno della politica di stabilizzazione del precariato».

«Il centrodestra ha dimostrato di non riuscire a governare i problemi concreti della Calabria – conclude Maiolo – poiché è insensibile alle condizioni insostenibili della precarietà del lavoro, non ha un programma e, soprattutto, non ha alcuna credibilità e nessun dialogo con il governo nazionale, sostanzialmente perché ripiegato sulla difesa di interessi di parte e di pochi».