14
Set

Maltonauta, birra artigianale e gusto di Calabria

Il progetto nasce nel 2017 ed è forte di quella passione che spinge verso obiettivi ambiziosi anche quando la strada, all’inizio, potrebbe apparire lunga e tortuosa.
Protagonisti di questo percorso sono Giuseppe Salvatore Grosso Ciponte (homebrewer, degustatore e relatore di birre) e Marco Longo con la sua passione per il mondo craft.
Giuseppe è originario di Fuscaldo mentre il socio proviene da Paola. La passione per il mare e la navigazione fa scattare in loro anche la scintilla che dà il nome al progetto. «Ci piaceva – dicono – mettere qualcosa che richiamasse la navigazione, sia essa quella delle nostre coste, sia quella tra diversi produttori».

L’obiettivo ambizioso, in parte già raggiunto, ha come nome “Maltonauta”, una  beer firm calabrese che “fa del territorio la sua mappa e del mare il mezzo a cui affidare i suoi messaggi in bottiglia”. L’idea è quella di creare birre che potessero rappresentare una visione innovativa e che hanno già ottenuto ben 10 referenze.
Una storia di artigianato agroalimentare che punta ad essere espressione di un mondo, quello birraio, che in Calabria è poco conosciuto ma che a livelli qualitativi assimilabili a quelli raggiunti dalla produzione olivicola e vinicola.
Il progetto nasce in Calabria ed alla regione è essenzialmente destinato, la birra non può permettersi lunghi viaggi a perché non  viene filtrata come la birra industriale.
Significativo il profilo grafico scelto, segno evidente di uno sguardo consapevole della modernità comunicativa.
Il concetto del Maltonauta, di navigatore tra i fiotti della birra, è racchiuso non soltanto nel logotipo aziendale che ritrae un pirata barbuto, ma anche nel visual minimal ed elegante della Birra Savuco, la birra che matura nelle botti del vino Savuco dell’azienda agricola Serracavallo”.