04
Nov

“Libero di Volare”, terminate le riprese del nuovo film di Fabio Mancuso

Sono quasi giunte al termine le riprese del film “Libero di Volare”, storia ispirata a fatti realmente accaduti, dal tema molto forte toccante e attuale. Il protagonista della storia è Dario, un giovane ragazzo crotonese che sin da piccolo lotta per la sua amata città, un luogo stupendo ma, purtroppo anche un territorio dimenticato e maltrattato nell’indifferenza e la rassegnazione di tutti o quasi, non di certo di Dario che, non si risparmia nel esercitare il proprio contributo organizzando serate di beneficenza e manifestazioni di protesta, evidenziando il disinteresse della società e soprattutto dalla classe politica. A un certo punto della sua vita, Dario scopre di essere malato, viene colpito da un male al Pancreas e quindi sottoposto a un delicato intervento chirurgico per fortuna ben riuscito. Provato dalla malattia, riuscì piano piano a riprendersi, grazie al sostegno della famiglia, del suo amico fraterno Salvatore e dal primario stesso che lo ha operato.
Dopo qualche tempo, con la malattia ormai alle spalle, ecco arrivare l’amore, Chiara, una ragazzina che si incollerà a Dario, restandogli accanto, dando vita a una bella storia d’amore. In seguito, Dario impiegherà tutte le sue forze per far nascere un’associazione che dia voce a chi purtroppo troppe volte non riesce ad averla.

Vincenzo Carvelli, protagonista, ideatore e scrittore di questa storia, sostiene che «Dario rappresenta tutti noi , è quella parte nascosta che troppe volte non si tira fuori a causa del subdolo sistema che ci impone di tacere e di non ribellarsi mai». Con l’incontro e la collaborazione di Fabio Mancuso giovane regista di Isola Capo Rizzuto a capo dell’associazione cinematografica Cineisolaproduction si è potuto finalmente portare alla luce la storia di questo giovane combattente. Alla parte tecnica, le riprese sono state curate dalla Monnalisa group per la parte video, per il sonoro Luca Mendicino, di origini crotonesi che vanta collaborazioni con Mediaset, RAI e Discovery e recentemente al festival di Roma con il docufilm “Un ponte del nostro tempo”.
Le riprese iniziate il 12 ottobre, sono durate per 4 settimane eseguite tra le località di Crotone, Isola di Capo Rizzuto e alcune zone prescelte di Lorica nella Sila.