22
Gen

Le arance di Trebisacce, bionde e tardive

La sua origine, la consistenza, il sapore e la qualità sono intimamente connesse al luogo, il Biondo Tardivo di Trebissacce, nell’Alto Jonio cosentino, gode infatti di una duplice e positiva circostanza.
Ha davanti il mare ma alle sue spalle, a copertura e protezione, il massiccio del Pollino lo protegge dalle correnti più gelide.
Il terreno, poi, ha una bassa concentrazione di argilla e questo consente di ritardare la maturazione del frutto che viene lasciato sulla pianta fino a primavera inoltrata, ecco perché il biondo tardivo di Trebisacce è conosciuto come un frutto estivo.

E’ un agrume, una varietà di arancia dal gusto sapido, dalla forma ovoidale, dal colore molto chiaro e che pesa mediamente 180 grammi.
La sua lunga permanenza sulla pianta consente di mantenere il profilo organolettico garantendo un equilibrio fra dolcezza e acidità, la polpa è compatta e succosa.
E’ consumato fresco o in macedonia ma si usa anche per produrre liquori.