31
Mar

Lamezia Terme, operazione “Turpe Lucrum”: rigettata l’istanza dell’imprenditore Giuliano Caruso

droga estorsione piemonte Crea

Il Tribunale del Riesame di Catanzaro ha rigettato l’istanza presentata dai legali dell’imprenditore lametino Giuliano Caruso, coinvolto nell’operazione “Turpe Lucrum”, condotta dalla GdF di Lamezia Terme con il sequestro di beni dal valore di circa 12 milioni di euro intestati o comunque riconducibili all’imprenditore. Allo stato, quindi, appare confermato l’impianto investigativo formulato dagli inquirenti che ha fatto luce sul valore dei beni sproporzionato rispetto ai redditi derivanti dalle attività lavorative dichiarati nel corso del tempo dal medesimo imprenditore.