18
Gen

Lamezia, fra degrado e abbandono: città invasa dai rifiuti. Spariscono sport e cultura – FOTO E VIDEO

Lamezia rifiuti emergenza

Ci risiamo, Lamezia Terme è nuovamente invasa dai rifiuti. Era già accaduto in passato e, a distanza di pochi mesi, la città della Piana si ritrova evidentemente in una nuova situazione di emergenza.

Già perché basta fare un giro per le vie del centro storico lametino per trovarsi di fronte ad uno spettacolo che imbarazza e che indigna e che, soprattutto, crea enormi disagi per i cittadini con un elevato rischio per la salute pubblica.

Degrado e sporcizia, dunque, unite ad una situazione di assoluto abbandono e sconforto ma, come accade spesso in questi casi, è difficile anche attribuire colpe e responsabilità. Da qualche settimana, infatti, la città è guidata da una triade di commissari, subentrata all’ex sindaco Paolo Mascaro, caduto dopo lo scioglimento per infiltrazioni mafiose.

A complicare il tutto, poi, c’è situazione di sostanziale incertezza che ruota attorno alla Multiservizi, società che si occupa proprio della raccolta dei rifiuti in città. I dipendenti sono in stato di agitazione per alcuni pagamenti in ritardo, nonostante la nomina degli avvocati Mariantonietta Del Vecchio e di Luca Maione, ai vertici della società.

E se da una parte ci sono i rifiuti, dall’altra c’è anche la questione legata alla chiusura degli impianti sportivi e dei teatri, a causa della mancanza dei certificati di agibilità. I disagi, come è facile prevedere, sono molteplici per tutte le squadre sportive lametine, costrette ad emigrare in altre strutture sportive limitrofe.

Sport e cultura, dunque, a Lamezia Terme non trovano più spazio da tempo, così come la serenità e la consapevolezza di una città che da troppo tempo fatica a ritagliarsi il ruolo da protagonista cui ambisce da decenni.

E non è bastato neanche il 50° anniversario della fusione a ridare speranza ad una città costretta ancora a fare i conti con la dura realtà.

Giorgio Curcio 

g.curcio@newsandcom.it