10
Lug

La Mandorla di Amendolara diventerà Dop

Continua deciso il percorso della Mandorla di Amendolara verso il prestigioso riconoscimento della D.O.P. (Denominazione di Origine Protetta). L’Amministrazione Comunale punta in maniera particolare sulla Pizzutella, varietà di mandorla originale e originaria del territorio di Amendolara che presenta caratteristiche estetiche e nutrizionali uniche al mondo.

La Mandorla di Amendolara, dal 2019, gode già del marchio De.Co. (Denominazione Comunale) e grazie al lavoro svolto in sinergia con il Centro di Ricerca in agricoltura “Basile Caramia” di Locorotondo (Ba) e con l’Arsac (Aziendaregionale per lo sviluppo dell’agricoltura calabrese), tre varietà sono state iscritte nel registro nazionale delle piante da frutto presso il Ministero
delle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e del Turismo: la Pizzuta di Amendolara, la Mezza Mollese e la Mollese Piccola.

Già diversi produttori sono partiti con le piantagioni, non solo ad Amendolara, ma anche in altri comuni dell’Alto Jonio cosentino. Il prossimo passo verso la D.O.P. sarà la costituzione ufficiale di
una A.T.S. (Associazione Temporanea di Scopo) tra tutti i produttori del Distretto e che oltre ad Amendolara comprende anche i comuni di Castroregio, Montegiordano, Nocara, Oriolo, Rocca Imperiale, Roseto Capo Spulico e Trebisacce. L’A.T.S, seguendo le linee di indirizzo del Comune e in collaborazione con un soggetto esterno convenzionato e professionalmente competente procederà alle azioni necessarie che condurranno la mandorla di Amendolara al conseguimento del marchio DOP.