29
Nov

Isola Capo Rizzuto(Kr): morto di meningite un mediatore culturale

Non ce l’ha fatta il mediatore culturale 37enne, di nazionalità marocchina, del Centro di accoglienza di Isola Capo Rizzuto che era stato colpito da meningite. E’ deceduto nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Crotone, dove era ricoverato da alcuni giorni. Viveva a Lamezia Terme con la moglie ed i due figli e la forma di meningite che lo aveva colpito, di tipo batterico, era apparsa subito particolarmente grave. Lavorava nel Centro di accoglienza di Isola Capo Rizzuto per un’agenzia privata che opera per conto del Ministero dell’Interno. Sulla morte del mediatore è intervenuto il Coisp Calabria, sindacato indipendente di Polizia e il segretario Giuseppe Brugnano ha chiesto “un’ispezione medica per capire realmente per quale cause è deceduto il mediatore culturale e se c’è il pericolo di contagio”. Secondo l’Azienda sanitaria provinciale di Crotone, invece,  si tratterebbe di “un caso ‘sporadico’ che rientra nella normale casistica dei ricoveri e nessuna correlazione può essere fondatamente posta con il suo lavoro nel campo profughi Sant’Anna di Isola Capo Rizzuto”.