21
Giu

Intimidazioni a Lamezia Terme, incendiata l’auto della proprietaria del “DolceAmaro”

Vibonese, uomo, morto, fiamme, incendio, rogo, abitazione

Ennesimo atto intimidatorio a Lamezia Terme, dove questa notte, attorno alle 3.30, ignoti hanno incendiato l’automobile della proprietaria del bar “DolceAmaro”, sito nel centralissimo Corso Giovanni Nicotera a Lamezia. Sul posto sono subito giunti i vigili del fuoco che hanno tentato di domare le fiamme mentre i carabinieri hanno effettuato i rilievi del caso.

Avviate subito le indagini ma saranno fondamentali le immagini riprese dalle camere di videosorveglianza.

Intanto, nelle ore successive, ci sono state alcune reazioni, come quella del sindaco di Lamezia Terme, Paolo Mascaro che ha affermato: “Amichevole è la mia vicinanza alla proprietaria del bar “DolceAmaro” in corso Giovanni Nicotera, che questa notte ha subito l’ ennesimo tentativo di violenza materiale ed ancor più grave,  violenza psicologica – afferma il sindaco di Lamezia Paolo Mascaro. Da primo cittadino non posso nascondere amarezza e rabbia per queste pagine nere che quotidianamente stanno riempiendo i giornali della nostra città.” “Si tratta – continua Mascaro – di emergenza umana perché la criminalità organizzata sta cercando di infrangere i sogni di lavoratori onesti, imprenditori dinamici ed amministratori coraggiosi!  In momenti come questo è difficile chiedere ai cittadini di continuare a credere in un futuro a Lamezia Terme, ma proprio adesso lo voglio ribadire perché  non  dobbiamo mollare lasciando al malaffare un vantaggio fisico e mentale. Chi mira ad impadronirsi del nostro territorio e dei nostri sogni, dovrà trovare un esercito numeroso e pronto ad una battaglia che avrà il colore della pace, la forza della cultura, la luce della fanciullezza ed un’unica bandiera, quella della nostra terra.”

In merito all’atto intimidatorio, è intervenuto anche l’onorevole Sebastiano Barbanti del Pd: “Un altro giorno ed una nuova intimidazione viene perpetrata ai danni di un cittadino, in questo caso alla proprietaria di un noto bar del centro il “DolceAmaro” e alla sua famiglia, che dopo una precedente intimidazione prontamente denunciata, viene colpita di nuovo in maniera subdola da questi personaggi che ormai stanno mettendo a ferro e a fuoco la nostra città.”

“La vicinanza di una città intera, in queste ore, fa ben sperare ed oltre alla piena solidarietà per chi ha subito questi atti vili, mi sento di garantir loro tutta la vicinanza possibile ed il mio supporto personale e politico per qualsiasi azione voglia mettere in atto la nostra comunità affinché nessuno venga lasciato solo.”