11
Gen

Indossare la natura: gli agri-gioielli di Pasqualina Tripodi

Ogni cosa che puoi immaginare, la natura l’ha già creata“. A dirlo fu Albert Einstein e la frase, emblematica e significativa, introduce pienamente la storia che stiamo per raccontare ed in parte mostrare. Perché è una storia fatta di forme, di colori, di sensi e significati di bellezza che la natura ha già creato ma che grazie all’immaginazione ed al talento assumono forme, colori, sensi, significati e funzioni. Al punto da trasformarsi da cibo del corpo in nutrimento dello spirito, laddove ovviamente si consideri come rinfrancante la bellezza. Ma andiamo alla storia.

Siamo a Delianuova, provincia di Reggio Calabria, e la storia è quella di Pasqualina Tripodi, giovane calabrese capace di immaginare otto anni fa un percorso sorprendente.
L’idea di Pasqualina è audace, la volontà di trasformarla in un percorso di impresa altrettanto.
Se ami la natura, indossala” è questo l’incipit che da vita a gioielli la cui più evidente sostanza è naturale, immediata, tutto fuorché scontata.
Pasly art design è invece il nome dell’azienda che intercetta e valorizza due caratteristiche della regione.
Quella storica perchè la Calabria è nota per la sua tradizione orafa, quella recente legata a nomi importanti, e soprattutto quella passata caratterizzata – ad esempio – dalle centinaia di monili rinvenuti dagli scavi archeologici o dalle straordinarie evidenze nell’affascinante racconto della lussuriosa ed antica Sibari.
L’altra caratteristica è riferita alla terra che a queste latitudini esalta e valorizza i prodotti agricoli ed agroalimentari, quelli che vi appartengono da sempre ma anche quelli che qui sono giunti nel susseguirsi dei secoli, dei popoli, delle dominazioni.
Pasly art design fonde e valorizza queste due caratteristiche conferendo un profilo innovativo alla sapienza orafa ed assegnando a piante, frutti e prodotti una vita ed una funzione che va oltre il cibo.
Nutrimento si, ma anche dell’anima colpita dalla bellezza nascosta.
Accade cosi che, grazie all’idea, alle sperimentazioni ed alla volontà di Pasqualina Tripodi, i fichi d’India diventino una linea di gioielli la cui trama è resa preziosa e stabilizzata con pietre dure, cristallo e perline.

 

 

O ancora, ed ha dell’incredibile, che le pannocchie del granturco siano riserva cui attingere per avere delle vere e proprie gemme di colore oro, argento e rosè con una durata illimitata

 

 

Che dire poi delle bacche dipinte con raffigurazioni che rimandano alla Magna Grecia…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Love fruits è invece il nome della linea che usa e valorizza i frutti, dalle nocciole alle mandorle. 

Dell’idea, del legame con la terra e della Calabria Pasqualina ci dice: ” E’ un legame profondo imprescindibile e indivisibile perché la natura e la Calabria sono una cosa sola ispirano e parlano a chi riesce a cogliere il bello ed il buono che sanno dare e così è successo con i miei agri-gioielli che non potrebbero esistere senza questo connubio.”