06
Nov

Il processo “Aemilia” contro la ‘ndrangheta resterà a Bologna

Aemilia processo Bologna

L’udienza preliminare del maxi processo “Aemilia” contro le cosche della ‘ndrangheta, resterà a Bologna. E’ questa la decisione del gup, Francesca Zavaglia, che ha dunque respinto le eccezioni di competenza territoriale sollevate da alcune delle difese, secondo le quali il processo avrebbe dovuto svolgersi a Catanzaro. Il processo, lo ricordiamo, riguarda 236 imputati e a 54 di loro è stato contestato il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso. Per la decisione del gup sono stati valutati altri processi passati in giudicato, in particoalare “Edilpiovra” e “Grande Drago”.