08
Lug

Grano, settore in ripresa ma prezzi ancora troppo bassi

grano

Dal 2015 al 2016 il prezzo medio all’origine del grano duro è crollato del 30% circa; nel primo quadrimestre del 2017 la flessione è proseguita e, rispetto al primo quadrimestre dello scorso anno, è stato registrato un ulteriore -16%.

La nuova campagna di raccolta sta invece facendo registrare incoraggianti segnali di ripresa legati soprattutto alla elevata qualità proteica.
Purtroppo però i primi prezzi espressi non consentono remunerazioni adeguate ai costi di produzione. L’effetto di questa situazione è l’abbandono delle coltivazioni con le semine diminuite del 7%.

Difficoltà rispetto alla quale Confagricoltura ha avanzato precise proposte: la costituzione dell’organizzazione interprofessionale, la definizione di contratti pluriennali, l’obbligatorietà della comunicazione sulle scorte dei cereali e maggiori informazioni sui quantitativi importati.
Proposto anche un nuovo modello di mercato telematico che abbia come riferimento il contesto nazionale.

Va da se infine che occorrono anche strumenti di politica agricola per garantire liquidità agli operatori e fronteggiare la volatilità dei prezzi in caso di crisi.