15
Ott

Gol e spettacolo allo ‘Scida’: Crotone-Torino finisce 2-2

ceccherini

L’ottava giornata di campionato mette di fronte Crotone e Torino. I granata si presentano allo ‘Scida’ senza Belotti e con Sadiq a guidare il reparto offensivo. Novità in attacco anche per i padroni di casa, Nicola lancia dal primo minuto Simy e lascia in panchina Budimir.

Parte bene il Crotone, Rodhén è tra i più ispirati, ed è proprio lo svedese a creare il primo pericolo con un tiro dal limite dell’area che finisce sopra la traversa. Ottimo anche il lavoro degli uomini di fascia Martella e Sampirisi, in costante proiezione offensiva.

Il Torino soffre ed il muro difensivo granata crolla al 25′, quando Rodhén si libera sulla sinistra di De Silvestri e di destro batte Sirigu. Il pallone calciato dal numero 6 rossoblù bacia il palo e finisce in rete: 1-0 e Crotone meritatamente in vantaggio.

Mihajlovic si alza dalla panchina e striglia i suoi, davanti Iago Falque e Niang non saltano mai l’uomo ed anche Ljajic sembra poco ispirato. Spesso il serbo è costretto anche ad arretrare il proprio raggio d’azione per aiutare Rincon e Baselli ad impostare il gioco.

Senza Belotti e con Sadiq marcato stretto da Ceccherini, il Torino prova più volte a far da male da fuori area, ma i tentativi di Niang, Rincon e Ljajic non spaventano Cordaz.

Il primo tempo si chiude con i padroni di casa in vantaggio, cinici nel capitalizzare l’unica vera occasione da gol creata.

Nella ripresa, il primo squillo è del Torino. Al 52′, Ljajic su calcio di punizione dal limite costringe Cordaz ad un miracolo. Ma il quasi gol del fantasista è il preludio al pareggio dei granata che arriva dopo un minuto. Al 53′, Iago Falque calcia da fuori area una palla sporca lavorata da Sadiq, il tiro è imprendibile ed i granata tornano in partita.

Mihajlovic si è fatto sentire negli spogliatoi, nella ripresa è tutto un altro ‘Toro’. Ma la gioia granata dura pochi minuti, perché al 66′ il Crotone torna in vantaggio.

Martella viene servito da un assist perfetto di Simy, in area di rigore avversaria il terzino sinistro anticipa tutti con un tiro di punta che batte Sirigu. 2-1 per i padroni di casa e primo gol in Serie A per Bruno Martella.

Il match si infiamma, il pubblico dello ‘Scida’ incita i rossoblù, mentre Mihajlovic incredulo continua a camminare nervosamente davanti la panchina. I minuti passano ed il risultato non cambia ed allora il tecnico serbo decide di giocarsi il tutto per tutto: fuori Rincon (centrocampista), dentro Boye (attaccante). Nicola si copre: fuori Stoian e dentro Faraoni.

Nei minuti finali il Torino cerca con insistenza il pari ed al 92′ De Silvestri salta più in alto di tutti e di testa – sugli sviluppi di un calcio d’angolo – batte Cordaz. 

Il Crotone crolla nel finale e getta via una vittoria che sembrava ormai conquistata.