22
Nov

Gallico, due raid criminali nella stessa notte

La città dello Stretto sembra ripiombare in tempi bui. Una lunga notte quella a cavallo tra lunedì e martedì scorsi, in cui due diversi atti intimidatori, avvenuti però nello stesso quartiere, hanno scosso la comunità di Gallico Marina.

Due individui non ancora identificati, intorno all’una di notte, hanno cosparso di benzina, appiccando il fuoco, il portone del punto vendita della casa vinicola “Tramontana”, di proprietà del presidente della Camera di Commercio di Reggio, Ninni Tramontana. Le fiamme hanno annerito la facciata, e il portone è stato distrutto, ma senza creare danni alle bottiglie e alle botti. Gli investigatori sono al lavoro per risalire agli autori dello squallido gesto.

Ma sempre nella stessa notte, intorno alle 3, ignoti hanno esploso 13 colpi di fucile calibro 12 contro le vetrate del supermercato Lidl di Gallico. Sembra improbabile che ad agire sia stato lo stesso commando, dal momento che le due azioni intimidatorie sono state compiute a distanza di due ore l’una dall’altra, per giunta nello stesso quartiere, e con le stesse modalità criminali. Con il rischio di essere intercettati dalle forze dell’ordine. Nel primo caso poi è stata utilizzata una tanica di benzina, nel secondo, fucili.

Quel che è certo comunque, è che negli ultimi tempi si respira un’aria più tesa, soprattutto per le numerose intimidazioni ai danni di diversi esercizi commerciali. Ed a Gallico e nelle zone limitrofe, storici quartieri termometro delle tensioni mafiose in città, la ‘ndrangheta si sta facendo sentire. I vuoti di potere creati dagli arresti degli ultimi anni sembrano aver fatto gola a molti, alimentando agli appetiti di giovani aspiranti boss, ansiosi di gloria, affari e territori.

In ogni caso, i Carabinieri battono tutte le piste, e per quanto riguarda l’intimidazione alla casa vinicola Tramontana, bisogna ancora capire se sia stata un’azione diretta all’azienda o al Presidente della Camera di Commercio in quanto tale, sebbene le modalità potrebbero far propendere per la prima ipotesi.