08
Giu

Crisi a Lamezia Terme, arriva la Commissione d’accesso al Comune

Lamezia commissione accesso

Le voci circolate in mattinata, alla fine, hanno trovato conferma: al Comune di Lamezia Terme presto arriverà la commissione di accesso agli atti.

Il ministro dell’Interno Marco Minniti ha dato, infatti, il via libera al Prefetto di Catanzaro, Luisa Latella: l’obiettivo è quello di chiarire, definitivamente, se i timori di una possibile penetrazione della criminalità organizzata nella giunta siano fondati o meno.

Il dossier sul tavolo del Prefetto ripercorre, infatti, tutti gli episodi amministrativi, elettorali e giudiziari dell’ultimo biennio guidato, a fatica e con numerosi problemi, dal sindaco Paolo Mascaro.

Su una situazione di per sé già critica, ha pesato, e non poco, l’ultima inchiesta “Crisalide” che, a Lamezia, ha portato a decine di arresti, alimentando anche i sospetti che le cosche della ‘ndrangheta lametina abbiano avuto – direttamente o indirettamente – dei contatti con esponenti di rilievo della maggioranza di centrodestra.

Dubbi che ora Mascaro e tutta la sua giunta potranno fugare, una volta e per tutte, fornendo tutti i dati e la documentazione necessaria al Prefetto Latella e alla commissione d’accesso.

Ma per il primo cittadino di Lamezia c’è da affrontare anche un’altra situazione spinosa, ovvero quella politica. Negli ultimi giorni tra autosospensioni e dimissioni, la Giunta ha accusato numerosi colpi che hanno fatto vacillare, e non poco, la tenuta della maggioranza. C’è chi ha chiesto le dimissioni di Mascaro, chi solo chiarezza ma il punto comune è unanime: il bene della città deve essere messo al primo posto.

Insomma, una situazione critica e che espone Lamezia Terme ad un grosso rischio di scioglimento le cui cause potrebbero avere effetti imprevisti e devastanti su tutta la città della Piana.