15
Apr

Cosenza: sono 1.800 i beni confiscati in Calabria alla criminalità organizzata

Sono circa 1.800 i beni confiscati in Calabria alla criminalità organizzata, 1.650 sono immobili e 600 assegnati ai comuni ma non utilizzati. Solo 71 sono invece quelli gestiti dal terzo settore. Questi i dati diffusi  dall’Associazione Libera e dall’Agenzia per i beni confiscati, durante un incontro tenutosi nella sede di Unindustria Calabria, a Cosenza. La provincia con più beni confiscati e in uso è Reggio Calabria, mentre la provincia con meno beni utilizzati è quella di Vibo Valentia. Il prefetto di Cosenza, Gianfranco Tomao, ha sottolineato la necessità dello stato di risolvere i problemi legati all’utilizzo dei beni per agevolare e tutelare le associazioni che ne fanno richiesta.