31
Dic

Confagricoltura Calabria, Statti: “l’agricoltura è la carta vincente da giocare”

Riceviamo e pubblichiamo.

L’agricoltura e l’agroalimentare calabrese si apprestano ad attraversare una fase decisiva legata ai cambiamenti delle politiche e del mercato. Un mercato – lo abbiamo detto in più occasioni – che presenta nuove opportunità, ma anche accresciuta competizione a livello internazionale e non solo; Sul fronte delle politiche, la Regione ha avviato una fase di cambiamenti che prevedibilmente avrà ulteriori sviluppi con la nuova programmazione del PSR 2014/2020. Ma proprio perché la situazione è in evoluzione, non si può navigare a vista! Occorrerà una visione strategica per i passi da compiere da adesso in avanti; una strategia per affermare – senza se e senza ma – l’importanza del settore agricolo e agroalimentare per la crescita della regione. Ora più che mai ne siamo convinti: l’agricoltura è la carta vincente da giocare! Gli sforzi di Confagricoltura Calabria saranno orientati nel porre al centro delle strategie territoriali le imprese, cruciali per orientate il rilancio del settore; Le imprese vanno tutelate da tutti quei balzelli ingiusti ed iniqui che ne minano la sopravvivenza prima che lo sviluppo; la loro funzione va dunque sostenuta senza ambiguità! E poi il rinnovamento generazionale, tema centrale ed ineludibile per il rilancio imprenditoriale, per il rinnovamento e la riqualificazione di tutto il mondo agricolo calabrese. Infine l’aggregazione, il sistema agroalimentare calabrese è troppo frammentato e necessita di sostegno per tutte quelle forme di aggregazione che consentano di “fare sistema” e di migliorare la capacità di raggiungere i mercati di riferimento. La Calabria agroalimentare deve diventare un brand e l’agricoltura deve finalmente poter parlare calabrese! Sono solo alcuni dei punti che andranno affrontati con decisione nell’anno che verrà, un anno che dovrà registrare finalmente una “campagna” di diritti finora disattesi. L’agricoltura calabrese nonostante tutto è “verde”, ma è arrivato il momento di darle “credito” per non farla rimanere al verde.

Buon Anno.