11
Mar

Chiesto rinvio a giudizio per consigliere Serra ed ex consigliere Rappoccio

Il rinvio a giudizio del capogruppo alla Regione Calabria della lista “Insieme per la Calabria” Giulio Serra e dell’ex consigliere dello stesso gruppo Antonio Rappoccio, è stato chiesto stamane al gup di Reggio Massimo Minniti dall’avvocato generale dello Stato Francesco Scuderi.

I due sono accusati di peculato in relazione alla gestione dei fondi messi a disposizione del gruppo politico dalla Regione. Rappoccio, arrestato il 28 agosto 2012 per un’altra inchiesta con le accuse di associazione a delinquere, corruzione elettorale aggravata, truffa e peculato, si è poi dimesso dal Consiglio regionale dopo essere stato sospeso e poi reintegrato. Per lui Scuderi ha chiesto il rinvio a giudizio anche per truffa.
Secondo l’accusa si sarebbe impossessato, tra il 2010 ed il 2012, di una somma complessiva di 67.800 euro dal fondo che non avrebbe utilizzato per fini istituzionali. A Serra, invece, viene contestato di avere emesso assegni in favore di Rappoccio dietro semplice richiesta dell’ex consigliere senza accertarsi della legittimità della spesa.