22
Gen

Caos Pd: Cuperlo si dimette, il partito in Calabria si spacca

Gianni Cuperlo ha abbandonato ufficialmente la carica di presidente del partito democratico. Cuperlo si è sentito colpito da attacchi personali ricevuti da Matteo Renzi e si è detto allarmato da una concezione omologata di partito.

I deputati calabresi in direzione nazionale del Pd si sono spaccati riflettendo quella che è la situazione nazionale. Da un lato i fedelissimi del sindaco di Firenze, Sandro Principe, Ernesto Magorno e il veltroniano Marco Minniti, dall’altra i tre cuperliani Alfredo D’Attorre, Nico Stumpo, Enza Bruno Bossio e la civatiana Maria Carmela Lanzetta. Da Roma intanto è arrivato l’ok alla candidatura di Magorno alla segreteria calabrese Pd, contro di lui correrà Bruno Villella, ma è caldo anche il nome di Maria Carmela Lanzetta.