12
Nov

Calabria: produzione e domanda restano sui livelli minimi

In Calabria produzione e domanda rimangono ancora sui valori minimi dell’ultimo triennio ma, dopo la flessione registrata nella prima parte del 2013, dalla metà dell’anno in corso si registrano segnali di stabilizzazione. Questi i dati relativi all’aggiornamento congiunturale sull’economia e il credito in Calabria della filiale regionale della Banca d’Italia, presentato oggi a Catanzaro. La ricerca – effettuata attraverso rilevazioni statistiche e interviste a 142 imprese dei vari settori tra settembre e ottobre – è stata illustrata dal direttore della filiale di Bankitalia, Luisa Zappone, e da Giuseppe Albanese e Iconio Garrì, del Nucleo di ricerca economica. «Grandi segnali di ripresa non se ne vedono – ha detto Zappone – ma dalla metà dell’anno si coglie almeno un minore pessimismo e qualche minimo accenno in particolare nell’export alimentare (vino, liquori, caffè) che segna un +20%, sebbene l’intero comparto rappresenti solo l’1% del pil calabrese. Un peggioramento è stato registrato nell’industria e nelle costruzioni sia in fatturato che in produzione».