17
Set

Calabria e ceramica, le terrecotte smaltate di Bisignano

Nel lungo percorso che ci ha mostrato la storia della ceramica in Calabria (ve ne abbiamo parlato qui) abbiamo ancora altri aspetti da approfondire, impegni artigianali destinati alla creazione di oggetti di pregio artistico.
Intanto è utile richiamare, prima di descrivere le terrecotte smaltate di Bisignano, le esperienze tuttora esistenti in altri luoghi della Calabria: le terrecotte di Gerace dove in armonia con la sua antica storia, si producono pezzi artistici singolari che vanno dai “pinakes” (tavolette di ceramica lavorate) alle statuine e agli oggetti di vario tipo lasciati anche con il colore naturale dell’argilla cotta.
Ma meritano una menzione anche le giare di Roccella.
A Bisignano, centro della provincia di Cosenza che abbiamo già descritto nella sua valenza storica, culturale ed antropologica (leggi qui), forse non tutti sanno che la tradizione della ceramica si fa risalire sino al XIII secolo.
Di certo c’è che di questa secolare tradizione si trova traccia in un documento datato 1573.
La caratteristica delle terrecotte smaltate che si producono a Bisignano è l’ornamento in azzurro, su un sostrato bianco, di carattere popolareggiante, che riprende un disegno ritrovato nei resti ceramici dell’antica Sibari.
Una simile produzione, con variazione di paese in paese, si può scorgere nei lavori primitivi e rustici di molti altri centri della Calabria e principalmente a Belvedere Marittimo, Nicastro, Gerocarne, Altomonte.
Caratteristica anche la produzione di Marzi dove le ceramiche si ispirano alle tradizioni folcloristiche locali.
A Bisignano tuttora esistono diversi laboratori artigianali che mantengono viva questa antica tradizione con un nutrito catalogo di prodotti.