06
Ott

E’ calabrese la viticoltrice dell’anno per Gambero Rosso

Antonella Lombardo è la viticoltrice dell’anno. Il riconoscimento le è stato assegnato dal Gambero Rosso. Si tratta di uno dei premi più importanti, che individua il figura del vignaiolo più rappresentativo dell’enologia italiana, ovvero colui che direttamente è coinvolto in tutte le fasi della produzione con i propri mezzi e con i propri strumenti. L’azienda di Antonella Lombardo si trova a Bianco, nel cuore vitivinicolo della Locride. E la storia di Antonella è quella di un avvocato che ha deciso di tornare in Calabria e fondare un’azienda del vino premiata dalla critica in pochissimo tempo.

Vignaiola a tempo pieno, Lombardo fino a qualche mese fa non aveva mai aperto nessun profilo su nessun social. «In verità ero restia anche ad aprire i profili aziendali, non ho mai amato mettermi in mostra», racconta a gamberorosso.it (qui l’intervista integrale), «ma la mia è un’azienda giovanissima che ha bisogno di farsi conoscere così ho ceduto, in quest’ottica oltre a riempirmi di gioia, anche i Tre Bicchieri del Gambero Rosso hanno molto contribuito a farci apprezzare al di fuori dalla Calabria».

Tra Antonella e il suo sogno ci si mette di mezzo il Covid. «Per fortuna – è il racconto di gamberorosso.it – Antonella non è persona da farsi prendere dal panico, durante il lockdown è lei in prima persona a lavorare sia in vigna che in cantina, a fare legature, potature, travasi e tutto quanto c’era da fare». E «da qualche mese Antonella ha acquisito diritti di impianto per altri due ettari che verranno impiantati in collina, nel comune di Caraffa del Bianco, dove c’erano i vigneti del nonno. Anche questa è stata una scelta meditata, i terreni a Bianco sono in zona pianeggiante e molto argillosi, quelli di Caraffa invece sono più alti e su suoli molto differenti».