09
Set

A Bagnara, il torrone prediletto dai Savoia (VIDEO)

L’arte del torrone a Bagnara si tramanda di generazione in generazione anche se pare che già nel 1700 «i monaci dell’abbazia di Bagnara si dedicavano alla preparazione di dolci e, tra questi, una ricetta era simile a quella del torrone “Martiniana”».

La prima fabbrica risale alla metà del 1800 e nasce per volere di Francesco Antonio Cardone che decide di produrre il dolce torrefatto secondo le indicazioni dei suoi antenati e in qualche decennio diventa fornitore della Casa Reale Savoia.

«Il prodotto è ottenuto con una serie di modalità descritte accuratamente che prevedono passaggi precisi nella cottura e nella lavorazione di miele, zucchero e mandorle non pelate tostate, l’uso di cannella e chiodi di garofano in polvere e le due diverse coperture. Oltre al perfetto dosaggio degli ingredienti è decisivo il sistema di cottura a fuoco vivo ad alte temperature e le procedure di affinamento del tutto particolari che regalano il cosiddetto aspetto a “manto di monaco”». Ancora oggi Cardone è sinonimo di qualità nel mondo.