09
Ott

Al via le “Giornate Micologiche” al dipartimento di Agraria dell’Università Mediterranea di Reggio

Giornate micologiche Agraria Reggio

Il 10 e 11 di ottobre il dipartimento di Agraria dell’Università Mediterranea di Reggio ospiterà le “Giornate Micologiche” giunte alla loro quinta edizione. L’esposizione, realizzata dal gruppo micologico “Domenico Gioffré” di Rizziconi, con il patrocinio e la collaborazione del dipartimento di Agraria e delle associazioni studentesche, rappresenta, con il corso di micologia di base rivolto agli studenti, uno degli appuntamenti mirati a far acquisire le principali nozioni per la raccolta di funghi spontanei, nel rispetto dell’ambiente e delle normative vigenti. La mostra, che ogni anno riscuote un vasto consenso di pubblico, consente ai visitatori di poter ammirare i funghi autoctoni dell’Aspromonte e pone l’attenzione, per i meno esperti, sui pericoli che un’incauta raccolta costituisce, oltre agli interessanti aspetti scientifici, culturali e sanitari che la micologia rappresenta.

La giornata di giovedì 10 ottobre sarà dedicata alla raccolta e scelta dei miceti che, nel pomeriggio, saranno classificati ed esposti. All’escursione, coordinata dai referenti dell’associazione micologica “Domenico Gioffré”, prenderanno parte gli studenti universitari e quanti vorranno aderire prenotandosi alla mail serafino.cannavo@unirc.it.

Dalle ore 9 dell’11 ottobre, presso il dipartimento di Agraria, sarà possibile visitare la mostra micologica, con gli esperti Serafino Cannavò, Carmela Macrì e Nicola Manfrida, disponibili a fornire spiegazioni e curiosità sul mondo dei funghi. La giornata sarà completata dalla conferenza tematica, introdotta dal prof. Giuseppe Zimbalatti, direttore del dipartimento di Agraria, il cui tema centrale sarà dedicato a tartufi e tartuficoltura. Argomento che, oggi, riveste grande interesse, per lo slancio che offre, a molte realtà, per incentivare l’economia territoriale. Infatti, sono tanti i progetti orientati alla divulgazione di modelli silvicolturali, finalizzati ad aumentare la produttività micologica (funghi e tartufi), nel rispetto di biodiversità ed efficienza ecosistemica delle foreste.

Al confronto di esperienze e conoscenze sugli aspetti tecnici e normativi in materia prenderanno parte, il dott. Sergio Tralongo – direttore dell’Ente Parco Nazionale d’Aspromonte, che curerà gli aspetti legati al “Ruolo del Parco Nazionale dell’Aspromonte nella tutela della biodiversità”, il prof. Giovanni Spampinato, docente di Botanica ambientale e applicata del Dipartimento di Agraria, che relazionerà su “La simbiosi micorrizica”.

Gli aspetti squisitamente tecnici saranno curati dai micologi Teodoro Gigliotti, dal prof. Mario Vittorio Prestifilippo e da Arturo Carmelo Buccheri, che daranno un quadro, quanto più completo ed aggiornato possibile, sulla moderna tartuficoltura e sulle potenzialità che essa presenta. L’incontro si concluderà con il contributo da parte di esperti e tartuficoltori, con interventi tesi a delineare lo stato dell’arte della tartuficoltura in Calabria.