14
Ott

Aggressione e usura nel Cosentino: in manette padre e figlio

Questa mattina gli agenti della Polizia di Stato di Rossano hanno notificato il provvedimento di esecuzione per la carcerazione, emesso dalla Procura di Catanzaro, nei confronti di Sebastiano Nicola Rende, di 69 anni. Stesso provvedimento notificato insieme ai carabinieri di Corigliano Calabro e della Tenenza di Cassano, nei confronti del figlio Camillo, di 44 anni.

Entrambi, infatti, sono ritenuti responsabili del reato di aggressione aggravata in concorso ed usura in concorso con altri, nell’ambito dell’inchiesta “Omnia” del 2007.

In particolare i due, avrebbero commesso i reati nel periodo compreso tra il 2001 e il 2007 per agevolare l’attività dell’organizzazione criminale di stampo mafioso, ai danni di imprenditori della zona di Cassano allo Jonio.